slideghami02

Le attuali strutture scolastiche

L’attuale offerta scolastica si limita a una sola scuola costruita dal governo nepalese a nord di Lo Mantang e da diversi piccoli interventi fatti da fondazioni private in alcuni villaggi, che comunque non prevedono un programma di studio completo da intendersi come scuola di formazione di base.

Le scuole attuali per lo più si avvalgono di insegnanti di lingua nepalese che non conoscono la lingua tibetana tradizionale del Mustang. Molti di questi insegnanti provengono dalla zona di Kathmandu e, nonostante il loro sforzo e la loro dedizione, incontrano difficoltà a integrarsi con gli usi e i costumi delle comunità.

A oggi non è presente una scuola di base che offra un’educazione complessiva in grado di coniugare le materie fondamentali con la lingua tibetana, la lingua nepalese e quella inglese.

L’assenza di una proposta formativa di qualità, unita alla carenza di strutture di insegnamento all’interno del Mustang, sta generando una migrazione della cultura, per cui le famiglie che sono economicamente in grado di sostenere l’istruzione dei propri figli (circa il 5-7% della popolazione) favoriscono l’allontanamento dei giovani, che in genere si protrae per 10-15 anni e diviene spesso definitivo. Per tutti gli altri si aprono le porte dell’analfabetismo e del degrado sociale.

La collocazione geografica delle attuali strutture, comunque insufficienti rispetto alle necessità, non permette a tutti i bambini di raggiungerle. L’offerta scolastica in Mustang quindi, non solo non è in grado di offrire una formazione di base e trasmettere l’identità culturale di questo popolo, ma è anche del tutto insufficiente in termini di strutture e copertura del territorio.

In assenza di un censimento ufficiale e accurato sull’analfabetismo, si stima verosimilmente che lo stesso superi la preoccupante quota dell’80%.

Leave A Comment